Dal 1952 realizza imbottiti e sedute per l’arredo di alta gamma in collaborazione con i migliori designers a livello internazionale.

Oggi la seconda generazione della famiglia – Roberto, amministratore delegato e Patrizia, director – rappresenta l’evoluzione dell’azienda italiana costruita sulla figura dell’imprenditore-artigiano, incarnata fino agli anni Novanta dal padre Agostino.

Dall’idea del “fare e fare bene” propria del Modo Italiano del secondo dopoguerra ha saputo, con coraggio e determinazione, conciliare il profondo know-how artigianale e sartoriale con i processi di produzione industriale, coniugando , contemporanea e .

Oltre alla sue collezioni, si adopera per il mercato contract e residenziale di lusso.

  • oltre 70 maestri artigiani
  • network di fornitori d’eccellenza
  • materiali di altissima qualità

 

 

VALORI

Parlano i progetti, parlano le persone, i protagonisti dell’abitare contemporaneo, parlano e raccontano la passione sincera e spontanea per la bellezza e l’emozione, il design, l’arte.

RICERCA

 

“La storia di Moroso è la storia delle relazioni con i , gente che il mondo sta cercando di cambiarlo positivamente, con intelligenza e con quella febbre che muove sempre gli artisti davanti alla bellezza. Chiedo loro di immaginare un mondo, non solo un oggetto, e di metterlo in relazione con il futuro” – Patrizia Moroso.

Ricerca, talento, know-how, territorio: la qualità dei prodotti Moroso è la sintesi di tutti i fattori che contribuiscono a rendere unico ogni singolo prodotto.

DESIGN SERVICE

Soddisfa le differenti esigenze di customizzazione e progettazione del mercato e del Contract internazionale. Soluzioni di arredo uniche fondata sulla capacità del Moroso Creative Team di immaginare, anticipare e interpretare lo spazio concettuale del , allargando i confini del design industriale verso gli ambiti limitrofi dell’arte e dell’. Un servizio esclusivo che Moroso propone ai propri clienti-partner, ai professionisti e a quanti credono che il design sia innanzitutto progetto di relazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *