LE MONDE NOUVEAU DE CHARLOTTE PERRIAND

dal 2 ottobre 2019 al 24 febbraio 2020 alla Fondation Louis Vitton, 8 Avenue du Mahatma Ghandi, Parigi.

 

Charlotte Perriand (1903-1999), una donna libera, pioniera della modernità, una delle figure di spicco nel mondo del design del XX secolo che ha contribuito a definire una nuova arte di vivere. 

 

In occasione del 20° anniversario della sua morte, la Fondazione rende omaggio all’architetto e al designer attraverso una mostra che affronta i legami tra arte, architettura e design

 

Si ripercorre il suo lavoro invitando a ripensare  il ruolo dell’arte nella nostra società, a pieno titolo di quell’avanguardia culturale, Perriand anticipa i dibattiti contemporanei sulle donne e il posto della natura nella nostra società. 

 

 

Charlotte Perriand si focalizza sugli spazi dell’architettura d’interni, che vengono concepiti come motore di un nuovo modo di abitare.

A soli 24 anni, comincia una collaborazione decennale con Le Corbusier e Pierre Jeanneret, presso il famoso atelier di Rue de Sèvres 35 a Parigi, con i quali firma alcuni tra i più prestigiosi oggetti di équipement degli anni Venti, alcuni ancora prodotti da Cassina, aggiungendo, in particolare, una dimensione d’umanità al freddo razionalismo di Le Corbusier nella scoperta e nell’uso di nuovi materiali (acciaio, alluminio, vetro).

Nel suo lungo soggiorno in estremo oriente (‘40-‘46) approfondisce le tecniche e i materiali tradizionali (bambù, legno, lacca, ceramica, ferro), conosce il livello della produzione artigianale giapponese, riproduce in bambù i mobili in acciaio e pelle realizzati negli anni precedenti da lei, Le Corbusier e Pierre Jeanneret o da altri colleghi come Alvar Aalto. 

Collabora con Junzo Sakakura, Lucio Costa, M. Elisa Costa, Oscar Niemeyer, Burle Marx, Fernand Legèr.

Apre uno studio di progettazione a Parigi con J. Prouvé, P. Jeanneret e G. Blanchon.

Cinquanta anni più tardi, nel 1993, si ripresenta per lei un’altra importante occasione di confronto con la cultura orientale. Si tratta di realizzare una “Casa del Tè” all’interno del Festival Culturale del Giappone organizzato a Parigi dall’UNESCO.

Affascinata dalla cultura industriale, ha saputo creare un habitat tutto nuovo, con spazi espressamente studiati per la donna mostrando un dialogo tra progetti e arredi.

Fondation Louis Vuitton Expositions Charlotte Perriand

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.