LABORATORIO ESTETICO alla continua ricerca della bellezza di oggetti d’arte e d’uso quotidiano.

FILOSOFIA:

  • sperimentazione nella serializzazione del prodotto industriale
  • eclettismo, mélange di culture, curiosità 
  • predisposizione all’ascolto, attenzione a registrare i segni provenienti dall’esterno

 

1968 l’inizio

nasce dai fratelli Enrico e Antonia Astori, con Adelaide Acerbi.

1968 – 1973 le prime icone di design

la storia di driade dei primi anni si intreccia con Giotto Stoppino e Rodolfo Bonetto, con la rivoluzione morale di Enzo Mari e con la rivoluzione artistico-comportamentale di Nanda Vigo, con la perfezione classica di Massimo e Lella Vignelli e con la giovinezza sfrontata di De Pas-D’Urbino-Lomazzi.

1982 1° manuale di arredamento venduto nelle edicole

lavora su 2 livelli: quello della divulgazione e quello della promozione con iniziative editoriali, slogan grafici, costruzione di eventi.
Si lega alla storia della fotografia italiana, coinvolgendo Mulas, Ballo, Basilico che attraverso le loro campagne contribuiscono a mettere a punto quell’immagine cristallina dei prodotti che negli anni resterà come segno distintivo.

1984-1988 Starck e la svolta internazionale

con Starck arrivano Tusquets, Clotet, Littmann, Ron Arad, Sipek, Toyo Ito, Chipperfield, Sejima, Pawson, Bellini.

1988 nuovi uffici

disegnata da Antonia Astori la sede rende perfettamente l’idea di “laboratorio estetico”.

1988 Borek Sipek – les follies

con la storia di Borek Sipek, artista boemo si sviluppa un originale linguaggio neobarocco fatto di vetri soffiati, argenti e legni pregiati, attraverso il progetto driadekosmo che abbraccia tutta l’oggettistica.

1994 via Manzoni showroom

inaugurazione dello showroom con sale affrescate e gallerie al pianterreno dell’antico palazzo Gallarati Scotti.

1995 driade store

una collezione di mobili e oggetti per il quotidiano pensata per un pubblico giovane, sono Miki Astori, Platt E Young, Haberli, Grcic e molti altri a dialogare con i vecchi maestri, Starck su tutti, per lo sviluppo del progetto.

2003 clouds /35 years celebration

mostra-evento clouds alla rotonda della Besana di Milano, con 65 pezzi emblematici della storia dell`azienda.

2007 starckland

nel 2007 driade organizza un importante evento per celebrare la longeva collaborazione con Philippe Starck

2008 Compasso d’ Oro

riceve il compasso d’oro per MT3, poltrona a dondolo disegnata da Ron Arad dopo quello ricevuto per la sedia DELFINA di Enzo Mari (1979) e per il tavolo LEGATO, sempre di Enzo Mari, nel 2001.

2014 – 2016 David Chipperfield- artistic director

acquisizione da parte di ItalianCreationGroup nel 2013, Chipperfield nel ruolo di artistic director, ha contribuito a rafforzare la brand awareness a livello internazionale.

2015 via Borgogna

superficie di circa 500 metri quadrati disposti su tre livelli e con un magnifico dehors esterno.

driade 50th anniversary

da marzo 2018 Giuseppe Di Nuccio è il ceo di italiancreationgroup, rappresenta una nuova fase strategica del polo del lusso che dopo le acquisizioni di grande prestigio – 4 brand in altagamma – sta riorganizzando le strutture e ridefinendo le logiche del settore

2019 Fabio Novembre art director

diventa la guida creativa con eclettismo e sperimentazione, estro e carisma, come spirito ribelle nel panorama del design globale.

Per maggiori approfondimenti visitare il sito:

www.driade.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.